Afghanistan

INFORMAZIONI DEMOGRAFICHE

Capitale: Kabul (altitudine: 1.800 m)

Superficie: 652.225 km2      

Abitanti: 35.530.080

Fusi orari: + 3.5 rispetto all’Italia

Lingue ufficiali: pashtu e dari

Moneta: afghani AFN

Tasso di analfabetismo: 78%

Religione: musulmani 99% (sunniti 82%, sciiti 17%), altri 1%

Mortalità infantile: 117/1000

RISCHI BIOLOGICI PER LA SALUTE

L’Afghanistan è un paese prevalentemente montuoso, soprattutto al nord, a sud si apre su poche vallate. In inverno, nel nord del paese, la temperatura scende sotto lo zero. Il clima è continentale con inverni resi ancora più freddi dall’altitudine. E’ il paese che ha la maggiore escursione termica al mondo: minime vicine al -50°C, massime anche di + 53°C. La totalità della popolazione è musulmana, in prevalenza sunniti. La religione condiziona moltissimo la vita sociale del paese. Con 50 nati ogni 1000 abitanti è uno dei paesi con il più elevato tasso di natalità, ma ha anche un elevatissimo tasso di mortalità infantile.

Le condizioni igienico-sanitarie possono essere anche di pessimo livello. Non esiste un sistema di acquedotti, né un sistema fognario-depurativo pubblico: l’acqua è disponibile solo tramite pozzi privati che sono spesso contaminati da scarichi di liquami, non essendoci un sistema centralizzato di fognature.

Sono diffuse le malattie trasmesse da alimenti e bevande contaminati come l’epatite A, il colera e la febbre tifoide. Elevato il rischio di diarrea del viaggiatore.

Sono possibili epidemie di dengue.

E’ presente la rabbia trasmessa dal morso o graffiatura di animali selvatici (cani randagi, scimmie, pipistrelli).

Anche a causa del perdurante stato di guerra e per la difficoltà di vaccinare i nuovi nati, la poliomielite è ancora presente e trasmessa nel paese.

I medicinali reperibili, quando possibile, risultano molto spesso scaduti, contraffatti o di scarsa qualità. In inverno, le rigide condizioni atmosferiche limitano la disponibilità di voli, precludendo l’accesso agli ospedali dei Paesi limitrofi. 

Non esistono ambulatori e strutture ospedaliere adeguate agli standard occidentali, se non quelli militari internazionali, che sono a pagamento per il personale civile e offrono una serie limitata di prestazioni mediche.

VACCINAZIONI

Assicurarsi di aver eseguito tutte le vaccinazioni di routine, in particolare Morbillo-Parotite-Rosolia-Varicella.

Febbre gialla: il certificato di vaccinazione è richiesto ai viaggiatori di età superiore a 9 mesi provenienti da paesi con rischio di trasmissione di febbre gialla. Vaccinazione non raccomandata.

Difterite-Tetano-Pertosse-Poliomielite

Epatite A

Epatite B

Febbre tifoide

Colera

Rabbia

INFO MALARIA

Il rischio di malaria (trasmessa da zanzara Anopheles che punge dal tramonto all’alba), esiste da aprile a dicembre al di sotto dei 2000 m.

Profilassi raccomandata: nessuna. E’ raccomandato l’uso di repellenti contro le zanzare e lo SBET (Stand By Emergency Treatment).

COSA PORTARE IN VALIGIA

Kit di primo soccorso con disinfettante, cerotti, termometro, integratori salini e multi-vitaminici, fermenti lattici, antipiretici, antidolorifici, antibiotici, e medicine per disturbi intestinali, creme solari ad alta protezione, repellenti contro le punture degli insetti (controllate che ci sia scritto “zanzare tropicali” sulla confezione), salviette/gel disinfettanti, preservativi, un adattatore universale per le spine elettriche, torcia elettrica e batterie di scorta, fotocopia del passaporto.

COMPORTAMENTI RACCOMANDATI
  • Rivolgersi agli ambulatori delle ASL per praticare per tempo le vaccinazioni raccomandate ed avere i consigli utili al viaggio.
  • Portare dei farmaci e del materiale di primo soccorso.
  • Adottare tutte le precauzioni necessarie nel consumo di acqua ed alimenti per prevenire la diarrea del viaggiatore. Evitare di utilizzare il ghiaccio. Lavarsi frequentemente le mani.
  • Fare attenzione alle malattie a trasmissione sessuale: AIDS, epatite A-B-C-D, gonorrea, sifilide, scabbia, ecc. Proteggersi sempre con il preservativo in caso di rapporti sessuali occasionali. Evitare interventi di agopuntura, piercing, e i tatuaggi.
  • Non trascurare le problematiche dell’altitudine e dell’esposizione alle radiazioni solari. Sono possibili forti escursioni climatiche.
  • Prevenire le punture di insetti con repellenti.
  • Prudenza nei contatti con gli animali selvatici. Indispensabile trattamento post morsicatura con immunoglobuline e vaccino antirabbico.
  • Evitare i vestiti corti (pantaloncini, bermuda), indossare sempre pantaloni lunghi, magliette a maniche lunghe, portarsi un copricapo, un foulard per le donne, per l’ingresso nei templi, utilizzare scarpe chiuse.
  • Al ritorno dal viaggio riferire sempre al proprio medico sintomi quali febbre, diarrea, lesioni cutanee che persistono.

Dove sei diretto?

Grazie al nostro motore di ricerca, puoi facilmente trovare la Nazione di destinazione e scoprire informazioni utili sulle vaccinazioni necessarie.

Cerca
Generic filters
Exact matches only