Cina

INFORMAZIONI DEMOGRAFICHE

Capitale: Pechino (altitudine: 60 m)

Superficie: 9.596.961 Km

Abitanti: 1.386.395.000

Fusi orari: + 7 rispetto all’Italia

Lingua ufficiale: cinese

Moneta: yuan renmimbi CNY

Tasso di analfabetismo: 5%

Religione: non religiosi 64%, religioni popolari cinesi 20%, buddisti 8%, cristiani 6%, musulmani 2%

Mortalità infantile: 16/1000

RISCHI BIOLOGICI PER LA SALUTE

E’ il terzo paese del mondo per grandezza. La Cina orientale è attraversata dai monsoni, che portano piogge estive molto abbondanti. In questa parte del paese si concentra quasi tutta la popolazione. La vastità del Paese fa registrare differenti zone climatiche:

– Cina del Nord a clima continentale, caldo umido d’estate, inverni freddi e secchi, stagioni intermedie brevi;

– Cina Centrale a clima sub-tropicale, con inverni molto miti ed estati molto piovose;

– Cina Meridionale a clima tropicale-monsonico, venti freddi in autunno-inverno, venti caldi in primavera-estate.

Numerosi sono i siti protetti dall’UNESCO. E’ il quarto paese più visitato nel mondo con oltre 55 milioni di visitatori all’anno.

Non vanno sottovalutati i possibili effetti negativi del jet-lag (7 fusi di differenza) soprattutto per chi viaggia provenendo direttamente dall’Europa.

Non si deve ricorrere alla profilassi antimalarica. Tra le altre malattie trasmesse da zanzare sono presenti la dengue e l’encefalite giapponese.

Tra le malattie trasmesse da alimenti e da bevande: l’epatite A, la febbre tifoide, l’amebiasi e la diarrea del viaggiatore. L’incidenza di queste malattie varia a seconda delle diverse province. A causa dell’elevato inquinamento atmosferico nelle principali città si stima che le morti premature ad esso collegabili siano più di 1 milione all’anno, corrispondenti a circa il 40% del totale; le patologie polmonari sono la 3° causa di morte nel paese (il tasso di mortalità per tumore polmonare è triplicato dagli anni 70) e le patologie respiratorie croniche sono la seconda causa di morbosità. Nelle grandi città e nei centri industriali l’inquinamento dell’aria supera spesso i livelli accettabili in Europa.

Nelle zone dell’Himalaya è possibile la malattia da altitudine.

E’ presente la rabbia trasmessa dal morso o graffiatura di animali selvatici (cani randagi, scimmie, pipistrelli).

La qualità del servizio sanitario in Cina non è elevata. Solo nelle metropoli è possibile trovare personale medico e sanitario competente, ma con limitata conoscenza dell’inglese.

VACCINAZIONI

Assicurarsi di aver eseguito tutte le vaccinazioni di routine, in particolare Morbillo-Parotite-Rosolia-Varicella.

Febbre gialla, il certificato di vaccinazione è richiesto ai viaggiatori di età superiore a 9 mesi provenienti da zone infette o che hanno transitato per almeno 12 ore in un aeroporto di un Paese a rischio di trasmissione. Vaccinazione non raccomandata.

Difterite-Tetano-Pertosse-Poliomielite

Epatite A

Epatite B

Febbre tifoide

Encefalite giapponese

Rabbia

INFO MALARIA

Profilassi raccomandata: no, nelle province e regioni di Hainan, Yunnan, Anhui, Henan, Hubei, Guizhou, Jinagsu è raccomandato l’uso di repellenti e zanzariere per evitare le punture di insetti.

COSA PORTARE IN VALIGIA

Kit di primo soccorso con disinfettante, cerotti, termometro, integratori multi-vitaminici, fermenti lattici, antipiretici, antidolorifici, antibiotici, e medicine per disturbi intestinali, creme solari ad alta protezione, repellenti contro le punture degli insetti (controllate che ci sia scritto “zanzare tropicali” sulla confezione), salviette/gel disinfettanti, preservativi, un adattatore universale per le spine elettriche, torcia elettrica e batterie di scorta, fotocopia del passaporto.

COMPORTAMENTI RACCOMANDATI
  • Rivolgersi agli ambulatori delle ASL per praticare per tempo le vaccinazioni raccomandate ed avere i consigli utili al viaggio.
  • Portare dei farmaci e del materiale di primo soccorso.
  • Prendere in considerazione i possibili effetti negativi del jet-lag.
  • Adottare tutte le precauzioni necessarie nel consumo di acqua ed alimenti per prevenire la diarrea del viaggiatore.
  • Fare attenzione alle malattie a trasmissione sessuale: AIDS, epatite A-B-C-D, gonorrea, sifilide, scabbia, ecc. Proteggersi sempre con il preservativo in caso di rapporti sessuali occasionali. Evitare interventi di agopuntura, piercing, e i tatuaggi.
  • Prudenza nei contatti con gli animali selvatici. Indispensabile trattamento post morsicatura con immunoglobuline e vaccino antirabbico.
  • Lavarsi le mani frequentemente, sempre dopo aver usato la toilette e prima di mangiare.
  • Sono possibili forti escursioni climatiche.
  • Nelle zone sopra i 2000 metri evitare bruschi cambiamenti di quota: ai primi segni scendere di quota e risalire gradualmente in 2-3 giorni.
  • Prevenire le punture di insetti con repellenti.
  • Considerare, soprattutto nelle persone a rischio, gli effetti negativi dell’inquinamento atmosferico.
  • Al ritorno dal viaggio, riferire sempre al proprio medico sintomi quali febbre, diarrea, lesioni cutanee che persistono.

Dove sei diretto?

Grazie al nostro motore di ricerca, puoi facilmente trovare la Nazione di destinazione e scoprire informazioni utili sulle vaccinazioni necessarie.

Cerca
Generic filters
Exact matches only

Quale malattia stai cercando?

Grazie al nostro motore di ricerca, puoi facilmente trovare la Nazione di destinazione e scoprire informazioni utili sulle vaccinazioni necessarie.

Cerca
Generic filters
Exact matches only