India

INFORMAZIONI DEMOGRAFICHE

Capitale: New Delhi (altitudine: 210 m)

Superficie: 3.287.263 km2

Abitanti: 1.339.180.130

Fusi orari: + 4.5 rispetto all’Italia

Lingue ufficiali: hindi e inglese

Moneta: rupia indiana INR

Tasso di analfabetismo: 34%

Religione: induisti 81,4%, musulmani (sunniti 9,4%, sciiti 3%), sikh 1,9%, cattolici 1,1%, protestanti 1,1%, buddisti 0,8%, giainisti 0,4%, altri 0,9%

Mortalità infantile: 51/1000

RISCHI BIOLOGICI PER LA SALUTE

Il clima è tropicale e subtropicale, con temperature estive che raggiungono i 48°C. 
Si segnala che l’intero territorio indiano è interessato da maggio a settembre dalla stagione dei monsoni, nel corso della quale ingenti precipitazioni provocano regolarmente inondazioni e frane soprattutto in ambito rurale. Il periodo migliore per andare in India è da ottobre a marzo, salvo per il nord, dove è ancora molto freddo. Le temperature sono miti (tra i 15°C ed i 30°C) e la pioggia è assente. Tra aprile e giugno le temperature possono superare i 40°C. L’India ha la maggior incidenza mondiale di incidenti stradali, la circolazione avviene sulla carreggiata sinistra.

Malattie come la dengue e la chikungunya , trasmesse tramite la puntura delle zanzare, sono endemiche, specialmente nelle regioni meridionali ed orientali del Paese e si acuiscono nel periodo monsonico e post-monsonico.La profilassi della malaria è necessaria solo per zone centrali del Paese. Esiste un notevole rischio di gastroenteriti (amebiasi, salmonellosi), e la possibilità di focolai di tifo ed encefalite giapponese (specie nel periodo monsonico). Anche il colera è endemico, con possibili focolai epidemici. Il randagismo è molto diffuso così come la rabbia in animali selvatici. Presenza di Zika virus.  La rete degli acquedotti è incompleta e non fornisce ovunque garanzie di potabilità. Si consiglia di bere acqua in bottiglia facendo attenzione che il tappo sia sigillato. Evitare i vestiti corti (pantaloncini, bermuda), indossare pantaloni lunghi, magliette a maniche lunghe, portarsi un copricapo, un foulard per le donne, per l’ingresso in alcuni templi, utilizzare sempre scarpe chiuse.

La cucina è generalmente piccante, in genere c’è prevalenza di cucina vegetariana.

VACCINAZIONI

Assicurarsi di aver eseguito tutte le vaccinazioni di routine, in particolare Morbillo-Parotite-Rosolia-Varicella.

Febbre gialla, il certificato di vaccinazione è richiesto ai viaggiatori provenienti da zone infette o che hanno transitato in un aeroporto di un Paese a rischio di trasmissione. Vaccinazione non raccomandata.

Difterite-Tetano-Pertosse-Poliomielite

Epatite A

Epatite B

Febbre tifoide

Colera

Encefalite Giapponese

Rabbia 

 

INFO MALARIA

Profilassi raccomandata: si per le regioni di Assam, Orissa, Madya, Pradesh in particolare nella stagione dei monsoni. E’ raccomandato l’uso di repellenti e zanzariere per prevenire le punture di insetti. Per le altre regioni è consigliato lo SBET (Stand By Emergency Treatment).

COSA PORTARE IN VALIGIA

Kit di primo soccorso con disinfettante, cerotti, termometro, integratori multi-vitaminici, fermenti lattici, antipiretici, antidolorifici, antibiotici, e medicine per disturbi intestinali, creme solari ad alta protezione, repellenti contro le punture degli insetti (controllate che ci sia scritto “zanzare tropicali” sulla confezione), salviette/gel disinfettanti, preservativi, un adattatore universale per le spine elettriche, torcia elettrica e batterie di scorta, fotocopia del passaporto.

COMPORTAMENTI RACCOMANDATI
  • Rivolgersi agli ambulatori delle ASL per praticare per tempo le vaccinazioni raccomandate ed avere i consigli utili al viaggio.
  • Portare dei farmaci e del materiale di primo soccorso.
  • Assumere la chemioprofilassi contro la malaria e utilizzare repellenti contro le punture delle zanzare.
  • Lavarsi le mani frequentemente, sempre dopo aver usato la toilette e prima di mangiare. Non utilizzare il ghiaccio ed adottare tutte le precauzioni necessarie nel consumo di acqua ed alimenti per prevenire la diarrea del viaggiatore.
  • Fare attenzione alle malattie a trasmissione sessuale: AIDS, epatite A-B-C-D, gonorrea, sifilide, scabbia, ecc. Proteggersi sempre con il preservativo in caso di rapporti sessuali occasionali ed evitare di sottoporsi a trattamenti di agopuntura, o a piercing o tatuaggi.
  • Le donne in gravidanza, o che stanno pianificando una gravidanza, dovrebbero evitare il viaggio in zone dove c’è trasmissione attiva di virus Zika, in quanto è stata riscontrata la presenza di microcefalia e altre malformazioni in bambini nati da madri che avevano contratto l’infezione. Durante il viaggio è opportuno avere rapporti protetti. Al ritorno dal viaggio le donne devono avere rapporti protetti tramite preservativo per almeno 2 mesi. Gli uomini devono utilizzare il preservativo per almeno 3 mesi al ritorno da zone infette da virus Zika per evitare l’eventuale infezione della partner.
  • Non trascurare le problematiche dell’altitudine e dell’esposizione alle radiazioni solari. Sono possibili forti escursioni climatiche.
  • Evitare bruschi cambiamenti di quota: ai primi segni scendere di quota e risalire gradualmente in 2-3 giorni.
  • Prudenza nei contatti con gli animali selvatici. In caso di morsicatura somministrare subito immunoglobuline ed iniziare la vaccinazione antirabbica.

Dove sei diretto?

Grazie al nostro motore di ricerca, puoi facilmente trovare la Nazione di destinazione e scoprire informazioni utili sulle vaccinazioni necessarie.

Cerca
Generic filters
Exact matches only

Quale malattia stai cercando?

Grazie al nostro motore di ricerca, puoi facilmente trovare la Nazione di destinazione e scoprire informazioni utili sulle vaccinazioni necessarie.

Cerca
Generic filters
Exact matches only